Search

venicebyvenice

Making your journey easier

A Venetian walk | Una passeggiata veneziana

The stone that speaks | La pietra che parla

Tintoretto’s House | Casa del Tintoretto | Cannaregio 1881

In the Cannaregio district, you can see a Latin inscription saying this:

Passer-by, do not ignore the ancient house of Jacopo Robusti, known as Tintoretto. From here countless paintings, masterly made with fine brain by his paintbrush, were sent everywhere, to be admired publicly and privately.

You would be happy to know that, thanks to the zeal of the actual landlord.

1842

Nel sestiere di Cannaregio, si può vedere questa iscrizione latina che dice:

Non ignorare, viandante, l’antica casa di Jacopo Robusti, detto il Tintoretto. Di qui per ogni dove si diffusero innumerevoli dipinti, mirabili pubblicamente e privatamente, realizzati magistralmente con fine ingegno dal suo pennello. Ti farà piacere saperlo grazie alla solerzia dell’attuale proprietario.

1842

What are you waiting for? Che aspettate?

Info cbvenicebyvenice@gmail.com

September newsletter

Dear All,

If you are planning a visit to Venice during this period of the year, here’s a list of things to do that you may find interesting.

The Glass Week is running from September 5th until 13th.

There will be a glassblowing presentation with a real furnace on a platform floating along the Grand Canal, for more details here’s the link

The international Venice Film Festival at the Lido is running until September 12th.

The Architecture Biennale has been postponed until 2021 but at the moment you can visit the temporary exhibition Le Muse Inquiete, at the Giardini, from Tuesday to Sunday – 10 am to 7 pm with a collection from the historical archive of the Biennale. Ticket: € 12.00

If you enjoy opera, at the Fenice, the Impossible Love, Dido and Aeneas, Henry Purcell, September 5th and 6th.

For a complete calendar see here

Photography Shows

Jacques Henry Lartigue, The invention of happiness at Casa dei Tre Oci, Giudecca Island, from Friday to Sunday 10 am to 7 pm. Ticket: € 13.00

Henri Cartier Bresson at Palazzo Grassi, Le Grand Jeu, up until March 20th

San Marco Area

At the moment the Basilica is still closed, but it is possible to visit the museum upstairs with a stunning view from the gallery. Ticket: € 5.00

Palazzo Ducale is open with the following timetable, Monday to Sunday, 9 am to 6 pm, ticket € 25.00

For any other info, please do not hesitate to contact me and don’t forget to subscribe to my website!

§

Carissimi,

Se avete in programma una visita a Venezia in questo periodo dell’anno, ecco una lista di cose che potrebbero interessarvi.

La settimana del vetro, si inaugura da domani fino al 13 settembre con una piattaforma galleggiante sul Canal Grande con una vera fornace che farà dimostrazioni sull’arte di soffiare il vetro, per maggiori info, eccovi il link

La mostra internazionale del Cinema si svolge al Lido e durerà fino al 12 settembre, per il programma vedere il link sopra.

La Biennale di Architettura è stata posticipata al 2021 ma al momento è possibile vedere ai Giardini, la mostra temporanea Le Muse Inquiete, dell’archivio storico. Aperta da martedì a domenica, dalle 10 alle 19. Biglietto € 12.00

Se vi piace l’opera, alla Fenice, L’Amore Impossibile, Didone ed Enea, 5 e 6 Settembre, di Henry Purcell. Per il calendario completo di tutte le opere qui

Mostre fotografiche

Jacques Henry Lartigue, L’invenzione della felicità, alla Casa dei Tre Oci, Giudecca, da venerdì a domenica dalle 10 alle 19. Biglietto: € 13.00

A Palazzo Grassi, Henri Cartier Bresson, Le Grand Jeu, fino al 20 Marzo 2021.

Area Marciana

Attualmente la Basilica è ancora chiusa, ma è possibile visitare il museo al piano superiore con una vista magnifica dalla terrazza. Biglietto: € 5.00.

Palazzo Ducale è aperto con il seguente orario, da lunedì a domenica, dalle 9 alle 18, biglietto € 25.00.

Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarmi e non dimenticate di iscrivervi al mio sito!

cbvenicebyvenice@gmail.com

Saint Roch | San Rocco | 16 Agosto

Today, we celebrate Saint Roch, the patron saint of Dolo (near Venice), invoked to protect against bubonic plague. In Venice, city struck by the plague several times, there is a famous brotherhood dedicated to him, the Scuola di San Rocco, completely painted by Jacopo Robusti Tintoretto.

Scuola di San Rocco, Venezia, 1564

The story of the painter’s career is strictly connected with the story of the Saint’s cult.

Back in 1564 the brotherhood of Saint Roch decided to organize a painting contest in order to select the work of art that had to decorate the most important hall, the Sala dell’Albergo.

Tintoretto decided to partecipate, but on his own terms, he presented his painting of “Saint Roch in glory” and set it directly on the ceiling.

The members of the brotherhood accused him of not complying with the rules, as he was not commissioned the painting, but his prompt reply, quoted by Vasari’s Lives of the most excellent Artists, Sculptors and Architects, left everyone speechless: “I’m sorry but this is the only way I can work, if you don’t like it, it is a present for Saint Roch.”

Needless to say, the painting in all its glory is still there, and the brotherhood is completely decorated by Tintoretto, and the Scuola di San Rocco is rightly considered his most important artistic legacy…

Oggi celebriamo San Rocco, il santo patrono di Dolo (vicino a Venezia), invocato contro la peste bubbonica.

A Venezia, città colpita dalla peste innumerevoli volte, c’è una famosa confraternita dedicata al santo, la Scuola di San Rocco, completamente dipinta da Jacopo Robusti, il Tintoretto.

La storia della carriera del pittore è strettamente legata alla storia del culto del Santo.

Nel 1564 la Scuola di San Rocco decise di indire un concorso per selezionare un’opera d’arte che decorasse la sala più importante, la Sala dell’Albergo.

Tintoretto decise di partecipare, ma a modo suo, portò il dipinto di “San Rocco in gloria” e lo mise direttamente sul soffitto.

I membri della confraternita lo accusarono di non rispettare le regole, perché non gli era stato commissionato il dipinto, ma la sua pronta risposta, secondo la citazione del Vasari nelle Vite de’ più eccellenti artisti, scultori e architetti, lasciò tutti senza parole: “Mi spiace ma questo è l’unico modo in cui sono capace di lavorare, se non vi piace, è un regalo per San Rocco.”

Inutile dirvi che il dipinto in tutta la sua gloria è ancora lì, e la Scuola è interamente decorata da Tintoretto, ed è giustamente considerata il suo testamento artistico più importante…


For other stories, you can follow me here on venicebyvenice and for any other information on tours in Venice you can contact me via email at cbvenicebyvenice@gmail.com

Per altre storie, potete seguirmi qui su venicebyvenice e per qualsiasi altra informazione su tours a Venezia mi potete contattare via email a cbvenicebyvenice@gmail.com

Venetian recollections | Diego Valeri

Here everything becomes a painting, everything turns into a painting. As there is nothing we can do against this sky, this water, this air, that mysteriously turn bricks and stones and geometries into pure colour and pictorial value. This city’s intimate essence, its very structure is made of paint. Who wants to have a real proof of this has to consider that here the genius loci has found a real expression and a final accomplishment in the painters’ works, here and only here.

Diego Valeri, A sentimental guide to Venice

SoundCloud versione italiana

La pietra che parla | The stone that speaks

Venezia, Campo San Maurizio ©venicebyvenice

 

Giorgio Baffo era un nobile veneziano, membro della Quarantia Criminale. Amava comporre versi erotici che declamava durante le feste. Censurato fino all’800. Venne particolarmente apprezzato da Federico Berchet e Guillaume Apollinaire.

Amico di Giacomo Casanova, e sostenitore della famiglia Grimani.

Tra i vari annedoti si racconta che un giorno la madre di Casanova, l’attrice Zanetta Farussi, andò a trovare il figlio a casa del Baffo e a stento lo riconobbe, con addosso la parrucca bionda. A cena un ospite inglese discutendo delle differenze grammaticali tra latino e inglese chiese perché in latino cunnus (vagina) fosse un nome maschile e mentula (penis) fosse femminile.

Il giovane Casanova rispose subito:

Perché lo schiavo prende il nome dal suo padrone.

A tradurre dal latino fu Giorgio Baffo…

§

 

Giorgio Baffo was a Venetian nobleman, member of the Quarantia Criminal. He loved writing erotic poetry that he read at parties. Censored until the XIXth century. He was particularly loved by Federico Berchet and Guillaume Apollinaire.

Casanova’s friend and supporter of the Grimani’s family.

Among various anedoctes on his life, it is told that one day, Casanova’s mother, the actress Zanetta Farussi went to see her son at Baffo’s residence and she could hardly recognize him wearing a blond wig. At dinner, while discussing the grammatical difference between English and Latin, an English guest asked why cunnus (vagina) was a masculine noun and mentula (penis) was feminine.

The young Casanova promptly replied:

It is because the slave takes his name from his master.


Giorgio Baffo translated from Latin…

———————————————————–

Volete seguire un tour su Casanova?


Would you like to follow a tour on Casanova?

Info at cbvenicebyvenice@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

Mira e la Riviera del Brenta

Mira e la riviera del Brenta, viene citata anche da Dante “ma se io fossi fuggito in ver la Mira, quando fui sovragiunto a Oriaco, ancora sarei di là dove si spira” (Purg. V, vv 79-81)

Mira and the Brenta Riviera, quoted also in Dante’s Divine Comedy

La Riviera del Brenta | The Brenta Riviera

Eccoci giunti alla piacevole Mira

di bei giardini e di palagi adorna.

Si esce fuor del Naviglio e si respira,

si passeggia, si pranza e poi si torna.

 

Carlo Goldoni

Mira è una località distante circa 20 Km da Venezia, costeggia il canale Brenta, un tempo importante centro di scambio commerciale, luogo preferito di vacanza dei nobili veneziani che qui trascorrevano l’estate.

Nella zona ci sono molte ville storiche, immerse nella campagna veneta, che vale la pena visitare se passate da queste parti. Villa Widmann Foscari e la Barchessa Valmarana, e la cinquecentesca Malcontenta, progettata da Andrea Palladio per i Foscari a Fusina, che un tempo era luogo di raccordo per le imbarcazioni che dalla laguna entravano nel Brenta attraverso un ingegnoso sistema di chiuse.

La villa delle ville, la più maestosa, è a Stra, Villa Pisani, dove si può ammirare l’ultima opera di Giambattista Tiepolo in Italia prima del suo trasferimento definitivo a Madrid nel 1762. Ha uno dei più grandi labirinti d’Europa, citato anche ne Il Fuoco di Gabriele D’Annunzio.

§

Mira, 12 miles away from Venice, is a village running along the river Brenta, in the past, was an important commercial network, the favourite holiday location for the Venetian noblemen who spent their summer here.

In the area there are many historical villas, plunged into the deep Venetian countryside that it is worth exploring if you are coming in this direction. Villa Widmann Foscari and the Wing Valmarana, the Xvi century Malcontenta, designed for the Foscaris in Fusina, where a while ago boats coming from the lagoon were set into the Brenta through an ingenious river-lock device.

Villa Pisani, the villa par excellence, is located in Stra, and here one can admire the last work by Giambattista Tiepolo before he moved to Madrid for good in 1762. It hosts one of the biggest mazes in Europe, quoted also in a novel by Gabriele D’Annunzio (Il Fuoco, The Flame)…

 

Per ulteriori informazioni non esitate a contattarmi al mio indirizzo mail cbvenicebyvenice@gmail.com

Con le attuali restrizioni Covid, è obbligatorio indossare la mascherina

§

For any further info please do not hesitate to contact me via email cbvenicebyvenice@gmail.com

Under the actual Covid restrictions, it is mandatory to wear face masks

 

Update on The Biennale Architettura

Due to the Coronavirus epidemic The Biennale ARCHITETTURA has been postponed until 2021. For more info see the link below

A causa dell’epidemia Covid la Biennale ARCHITETTURA è stata posticipata al 2021. Per maggiori informazioni si veda il link sopra.

Blog at WordPress.com.

Up ↑